Con la caduta del fascismo il governo Badoglio I nel 1943 sopprime quest'ultimo e un poke c'est quoi sur facebook ricrea il Ministero per l'industria, il commercio e il lavoro.
URL consultato il MiSE, Enti pubblici vigilati,.
Nel 1916, con il governo Boselli, viene aggiunta la competenza sul lavoro e la previdenza sociale ma scorporata l'agricoltura, creando così il Ministero per l'industria, il commercio e il lavoro.
Se ne accetti l'uso continua a navigare sul nostro sito.
Nel 2006, con il governo Prodi II, vengono biglietti lotteria italia usciti a roma sia aggiunte le competenze sulle politiche di coesione, accorpando il Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica dal Ministero dell'economia e delle finanze, sia costituito di nuovo il Ministero del commercio internazionale, con conseguente cambio della.Proseguendo la navigazione accetti di riceverli.Il Ministro è componente del Consiglio supremo di difesa e nomina il segretario generale presso l' Autorità garante della concorrenza e del mercato (la cosiddetta Antitrust).URL consultato il MiSE, Enti di diritto privato controllati,.Allo scopo di ridurre il numero dei ministeri, la riforma slot machine giocattolo queen nile Bassanini del 1999 determinò l'istituzione del Ministero delle attività produttive, unendo all'Industria anche il Ministero del commercio con l'estero e il Ministero delle comunicazioni, che tuttavia fu mantenuto autonomo dal governo Berlusconi II nel 2001.Nel 1966, con il governo Moro III, viene aggiunta la competenza sull'artigianato con modifica del nome in Ministero dell'industria, commercio e artigianato.Nel 1920, con il governo Giolitti V, viene istituito il nuovo Ministero del lavoro e della previdenza sociale, lasciando il Ministero dell'industria e del commercio.DG per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese (compresa l' unità per la gestione delle vertenze che concede la Cassa integrazione guadagni straordinaria e le sue eventuali proroghe).Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su: approfondisci.L'elenco comprende i ministri dell'Industria e del commercio dal 1946 al 1966, dell'Industria, commercio e artigianato dal 1966 al 2001, delle Attività produttive dal 2001 al 2006, dello Sviluppo economico dal 2006 in poi.



Il Ministero ha competenze relative a quattro grandi ambiti dell' economia italiana.
Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.
Politica per le comunicazioni : regolamentazione delle comunicazioni elettroniche, della radiodiffusione sonora e televisiva e del settore postale, contratto di servizio con RAI e Poste Italiane, ripartizione delle frequenze per i servizi di radiodiffusione sonora e televisiva, telefonia cellulare e servizi di emergenza, monitoraggio.
Vai al Contenuto, raggiungi il piè di pagina, notizie.Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.DG per la lotta alla contraffazione Ufficio italiano brevetti e marchi DG per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica DG per la politica commerciale internazionale DG per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi DG per.Solo nel 2008 si decide di ripristinare la riforma Bassanini unificando nel Ministero dello sviluppo economico le funzioni del Ministero delle comunicazioni e del Ministero del commercio internazionale, che cessano di esistere a partire dal governo Berlusconi.L'attuale ministro è, luigi Di Maio dal.Bilancio previsione 2015 Dotazione organica MiSE, Ministero,.Politica industriale : competitività, ricerca e innovazione industriale, trasferimento tecnologico, brevetti e marchi, lotta alla contraffazione, fondi e agevolazioni per le imprese, riconversione e riorganizzazione produttiva, gestione delle crisi aziendali, sostegno alle piccole e medie imprese, promozione della concorrenza, liberalizzazioni, tutela dei consumatori, semplificazione per.