Ci sono tantissime opzioni per personalizzare il puzzle, anche aggiungendo colori, ordinare le parole in qualsiasi direzione e tanto altro.
Vince chi riesce ad aggiudicarsi il cuscino; lancia la carta: si gioca con figurine o carte da gioco, ogni giocatore a turno lancia una carta cercando di farla cadere sopra una delle carte già a terra.
Come si prepara la macchinetta del caffè, come si cambia la federa del cuscino, come si allacciano le scarpe, come fa una lettera ad arrivare nella cassetta della posta, come si torna da casa a scuola, come si compra un numeri di fine estate lotto litro di latte?
Muoversi lungo un percorso reggendo un vassoio che contiene alcuni oggetti, senza farli cadere.Ecco tanti giochi per bambini di 6 anni, divertenti e stimolanti.6 discovery Puzzlemaker dà tre scelte quando per la creazione del puzzle.Puoi trovarlo su internet da scaricare e ritagliare e puoi usarlo come memory o come un gioco di carte; Indovina a cosa sto pensando: pensa a un oggetto (o geant casino en ile de france un animale o una persona) e il bambino dovrà indovinare facendo domande a cui puoi rispondere.Se ti serve un gioco tranquillo, ma divertente, qui sotto ti suggeriamo alcuni giochi per bambini di 6 anni da fare seduti, usando carta e penna, ritagli di giornale o solo le parole.Qualche esempio: costruire una casa delle bambole (o delle tartarughe ninja, o una fattoria incolla tra loro alcune scatole di scarpe, ritaglia le finestre e poi dipingi e arreda usando stoffa, plastilina, acquerelli; costruire una collezione di bandiere con stecchini e carta; scrivere un libro.Giochi di movimento da fare in casa.Se il bambino è abituato ai giochi da tavola potrai proporgliene di nuovi, basati su diverse abilità.Portare avanti un progetto insieme è anche un modo per creare e sviluppare il legame baby sitter-bambino, avere una cosa speciale da fare insieme.Come per i giochi in scatola, anche per quelli di carte la conoscenza dei bambini varia da famiglia famiglia.Si può anche scegliere se creare un puzzle da giocare al computer da soli oppure se stamparlo su carta.



È un piccolo investimento che può risolvere molti pomeriggi.
Per costruire un buon rapporto con il bambino e per aiutarlo a crescere, il gioco è fondamentale.
Qualcosa di più che semplici lavoretti: chiamiamoli progetti creativi.Al via, si pescano le parole per comporre una frase che abbia nce chi alla fine del tempo stabilito ( 4 o 5 minuti) ha costruito la frase più lunga; Tangram : un gioco antichissimo, che aiuta la comprensione delle figure e dello spazio.8 educolor è un sito che presenta sia il generatore di cruciverba che un generatore di puzzle trova la parola, semplici e in italiano.WordSearch permette di creare un pdf o un semplice foglio html da stampare con il gioco di ricerca delle parole.Wordsearchmaker ha la caratteristica di offrire il codice html per incorporare i puzzle in un blog o in un sito cosi, se da creare il proprio sito di enigmistica online.Le opzioni sono in inglese quindi bisogna andare un po' a intuito se non si conosce la lingua ma si possono aggiungere parole in italiano o come si vuole.Perché sono giochi perfetti per un pomeriggio con la baby sitter: si possono fare in casa, anche solo in due, con materiali molto semplici come carta e penna.Il gioco tra fratelli fa bene (i piccoli imparano, i grandi insegnano) ed è diverso dal gioco con i coetanei.Sceglateriali secondo LA competenzasaper osservaresaper ascoltaresaper comprendere LE consegnesaper analizzariscriminaresaper classificaresaper descriveresaper sintetizzaresaper mettere IN relazione ED associaresaper utilizzare simbolegni PER comunicaresaper cogliere ED utilizzare GLI indicatori spazio-temporalisaper cogliere ED utilizzare collegamenti DI causa ED effettosaper cogliere ED utilizzaruoni della lingua:abilità fono/metafonologichesaper monitorarontrollare LE difficoltÀ.Anche se giocano in due, mettiti a giocare con loro.Se si annoia, lascia che smetta.Quali giochi per bambini di 6 anni?



Perché giocando a carte si allena la memoria, lattenzione, la capacità di osservazione, ci si abitua a contare, si riconoscono i numeri, si fanno le prime semplici addizioni.
Puoi insegnare al bambino, sotto forma di gioco,  come funziona il mondo intorno o a lui.
Vince la partita chi ha più carte.