Santo stefano DI sessanio La sua casa museo del tombolo a Santo Stefano di Sessanio (LAquila) accoglie ogni anno centinaia di visitatori italiani e stranieri, affascinati dallantica arte abruzzese del merletto.
Sarà ancora presente la novità 2017, Gli angioletti delle meraviglie, ciondoli a forma di angelo realizzati in pietre dure e vestitino in tombolo; sarà possibile trovare questi oggetti interamente realizzati oppure in kit per il gioco slot da scaricare loro confezionamento (livello principiante) e corsi a tema.
I turisti, soprattutto i canadesi e gli australiani che tanti anni fa sono emigrati e che tornano in visita apprezzano tantissimo questarte.
Dal 1994 partecipa a mostre sia in Italia che allestero.
Da aprile a novembre vivo lì per tornare allAquila nella restante parte dellanno.Lavoro il tombolo, anche detto merletto a fuselli, dalletà di 19 anni racconta.Non potevo scegliere borgo più bello afferma Sembra davvero di essersi fermati al Medioevo camminando per i suoi vicoli e per le sue strade.Il tombolo è unarte, ma soprattutto un continuo studio e perfezionamento, come spiega la Pannunzio: Lunica parola che descrive al meglio il tombolo è la passione.Virtù"diane, la mia prima insegnante è la maestra.Da piccola mi faceva fare i lavori zozzi della sartoria, come pulire i punti lenti o fare le pieghe.Unarte che, pur mantenendo la sua tradizionalità, si apre al moderno e alla moda.Simona Iannini festeggia infatti oggi i suoi primi 50 anni di cui 33 dedicati allinsegnamento ed alla realizzazione del tombolo aquilano.E così il tombolo diventa arte nellarte, allinterno di un borgo medievale ammirato e visitato da turisti che arrivano da ogni parte del mondo.Nello stand, simona Iannini-Tombolo Aquilano sarà inoltre possibile seguire corsi utilizzando il materiale a disposizione Un occasione davvero da non perdere per tutte le appassionate!Nel 2005 è socio fondatore dellAssociazione Culturale La Bottega delle Api Operose con cui organizza corsi, mostre, eventi e studi di pezzi museali con loro riproduzione.



Dopo la sua morte mi sono messa a studiare per fare cartamodelli.
I gioielli e linsegnamento sono ciò che preferisce, creatività nel primo, studio e diffusione nel secondo.
La passione per larte, la Pannunzio ce lha nel sangue, così come suo nonno e suo padre, artisti del rame.Dal 1996 gestisce e organizza un laboratorio a LAquila in via De Navelli.I suoi gioielli, più volte premiati (Guardiagrele 2005, Como 2005 con brevetto approvato, hanno acquistato nuove forme, diventando colorati, moderni.Simona Iannini nasce a LAquila nel 1969.Tanti cari auguri dalla redazione.Da lì ho capito che le persone apprezzavano davvero tanto il tombolo e allora ho scelto di iniziare a vendere i miei lavori.Weitere Informationen zu unseren Cookies und kennenlern bingo deutsch dazu, wie du die Kontrolle darüber behältst, findest du hier: Cookie-Richtlinie.Ho sostituito il filo di lino con un filo di metallo, ma i gioielli non sono nati facilmente perché free slot machine games cleopatra trovare il filo giusto non è stato semplice conclude la Pannunzio Ho fatto decine di prove e disegni, con ore e ore di lavoro, prima.Questo mi permette di vivere di arte, come tutti gli artisti.Leggi/scarica il programma completo dei corsi che Simona Iannini terrà.È lunico sentimento vero che nasce dal cuore e che guida le mani e ti fa stare lì ore intere senza sentire la stanchezza.

Una piccola comunità che chiede a una persona di fuori di conservare i valori di un borgo secondo me non è banale, un grande gesto di fiducia afferma Mi sono trasferita a Santo Stefano e oggi sono una transumante.
Ero ancora piccola per capire che mi stava lasciando in mano un mestiere.