Roche, della Carrera, è all'attacco e, dietro, i corridori della Carrera inseguono.
La partenza è a mezzanotte: all'alba, sotto la pioggia, i corridori incontrano i primi colli.
In ogni caso, dopo quattro tappe, è in testa alla classifica alla pari con Girardengo che, forte di due vittorie, accarezza l'idea del tris.
Bottecchia vince il Tour, primo italiano a riuscirci, con 3536 di vantaggio su Frantz e con 1h3213 su Lucien Buysse.Non c'è stata pianificazione.Nel frattempo l'evoluzione del mezzo meccanico è continua.Giuseppe Saronni, il fulmine Nell'anno in cui Moser diventa campione del mondo, un ragazzo di 19 anni passa professionista.



Quest'ultimo sente anche gli altri corridori: Magni vuole continuare, ma si trova solo.
Porta l'unica maglia rosa della sua vita alla Madonna di Tortona.
Si conferma uomo da corse a tappe al Giro, finendo secondo nel 1991, dietro Chioccioli, e nel 1992, dietro Induráin.In seguito alla riconquista del record da parte di Marcel Berthet il detentore da lui spodestato Egg rescinde quattro contratti e quindici giorni dopo, il, riprova di nuovo a Buffalo, rompendo il muro dei 43 km, con 43,525.Nel giorno in cui Camusso crolla, soltanto Antonin Magne sopravanza Pesenti di 4 minuti al traguardo.Ma il corsaro Boyer gliela strappa a Sorrento.Stringe i denti e rimonta.Le gare si moltiplicano e assumono una cadenza annuale: Giro del Piemonte (1906 Campionato italiano (1906 Giro dell'Emilia (1909 Giro del Veneto (1909 Giro di Romagna (1910 Giro dell'Umbria (1910 Giro di Campania (1911).La frode non è una novità.Nella recita è splendido e plateale come un torero.Girardengo corre ancora per la vittoria a Sanremo a 40 come vincere un terno secco anni compiuti.È il suo momento magico.





Van Hauwaert piomba su di lui mentre si rialza, lo salta ed entra primo sul cemento della pista firmando così una doppietta unica e rara: Sanremo e Roubaix.
Il il 'tappone' pirenaico Pau -.-Gaudens (230 km) regala in avvio il numero a effetto di Robic sull'Aubisque.